Maltempo, Romagna in ginocchio, Savio e Montone rompono gli argini: interrotta linea ferroviaria tra Bologna e Rimini. Secchia e Panaro in piena

Maltempo, Romagna in ginocchio, Savio e Montone rompono gli argini: interrotta linea ferroviaria tra Bologna e Rimini. Secchia e Panaro in piena
Esonda il fiume Savio. Le immagini dall'elicottero dei Vigili del Fuoco 

Allagamenti ed esondazioni stanno creando gravi problemi. I Vigili del Fuoco liberano due persone bloccate nella loro abitazione. Zone evacuate e scuole chiuse nel Modenese, a Cesena e Ravenna. In campo l'esercito. Binari riaperti dopo 12 ore

BOLOGNA  - Il maltempo a maggio non dà tregua. Allagamenti ed esondazioni dei fiumi stanno creando gravi problemi in Romagna, in particolare nel Cesenate dove due persone sono state tratte in salvo. E forti disagi sono segnalati, con frane e piene dei corsi d'acqua nel Bolognese e nel Modenese. Case evacuate, scuole chiuse e l'allerta rosso prolungato fino a martedì quando la pioggia si fermerà ma i fiumi potrebbero ancora esondare.

Il fiume Savio ha rotto gli argini in più punti, diversi ponti a Cesena sono stati chiusi al traffico. La circolazione sulla rete ferroviaria Rimini -Bologna, tra Cesena e Forlì, è stata interrotta dalle 7.50 di questa mattina fino alle 19: la piena ha quasi sommerso un viadotto della linea. La circolazione dei treni riprende gradualmente e si prevede che domattina la situazione, salvo imprevisti nella notte, torni alla normalità.

 A Forlì in serata ha ceduto, nei pressi del ponte dell'a14, l'argine in sponda sinistra del Montone, verso l'abitato di Villafranca. A causa della rottura dell'argine del Montone si registra la chiusura della provinciale via Lughese a Forlì. Allagate le campagne circostanti.

Alla luce dell'allerta meteo rossa per criticità idraulica in vigore per tutta la giornata di martedì emanata dalla Protezione Civile dell'Emilia-Romagna e dall'Arpae, il Comune di Rimini ha disposto, con una ordinanza contingibile e urgente valida per tutta la durata dell'allerta, il divieto di transito nelle adiacenze del fiume Marecchia.

Maltempo, esonda il fiume Savio: cumuli di detriti si depositano sotto il ponte a Cesena

in riproduzione....


L'esondazione del Savio è avvenuta alle 9.30 di questa mattina, informano i Vigili del Fuoco che sono intervenuti per recuperare due persone, una anziana disabile con la badante, bloccate nella propria abitazione nei pressi di via Pontescolle, particolarmente interessata dalla piena. La Protezione Civile sta diramando avvisi di pericolo attraverso alcuni megafoni.

Anche la tangenziale di Cesena è stata chiusa al traffico per allagamenti. La piena del Savio sta travolgendo il manto stradale. La Protezione Civile non esclude di evacuare intere zone della città nelle prossime ore in previsione di un peggioramento delle condizioni meteo e di una nuova ondata di piena. Tra le più colpite anche la zona dell'Ippodromo dove numerose abitazioni risultano allagate.

Nel quartiere San Carlo la piena ha superato la soglia rossa, il livello idrometrico ha toccato il picco di 6,37 metri alle ore 7, mentre a Cesena si è attestato a 7,51 metri alle ore 8. Al momento è chiuso al traffico il Ponte Nuovo, la circolazione è deviata con notevoli disagi. Sotto monitoraggio anche le zone di Martorano, Oltresavio e San Carlo.

Martedì le scuole resteranno chiuse a Cesena e Ravenna.

Si registra inoltre lo spettacolare ma non preoccupante fenomeno della tracimazione dal culmine della diga di Ridracoli che, come ogni volta, attira numerosi visitatori.

Maltempo, la spettacolare tracimazione della diga di Ridracoli

in riproduzione....


L'invaso artificiale alle spalle della grande muraglia della diga è, dopo mesi di forte siccità, completamente pieno, con circa 35 milioni di metri cubi d'acqua immagazzinati. L'acqua in eccesso non può perciò essere trattenuta e, superata la diga, precipita a valle dalle apposite paratie creando una tuonante cascata alta oltre cento metri.

Il sindaco di Ravenna Michele de Pascale invita la popolazione a non uscire di casa e di rimanere possibilmente ai piani alti delle abitazioni. L'invito è anche a non effettuare spostamenti se ci si trova in luogo sicuro, a meno che non sia strettamente necessario per motivi urgenti e indifferibili. Non si esclude la chiusura dei ponti sul fiume. L'allerta è per la popolazione di Castiglione, Mensa Matellica e Savio di Ravenna dalle prime ore del pomeriggio sino a sera (la fase critica è tra le 17 e le 21). In caso di emergenza per l'esondazione del Savio, se la propria casa non dispone di un piano alto, è possibile andare alle scuole San Zaccaria e di Fosso Ghiaia.

I Comuni di Ravenna e di Cervia hanno congiuntamente deciso di chiudere per domani, martedì 14 maggio, tutte le scuole dell’istituto comprensivo intercomunale Ravenna Cervia: scuole dell’infanzia Missiroli di Castiglione di Cervia, scuola dell’infanzia di Savio di Cervia e la scuola dell’infanzia 25 Aprile di Pisignano; le scuole primarie Burioli di Savio di Ravenna, Carducci di Castiglione di Cervia e Fermi di Pisignano e la primaria di Castiglione di Ravenna; la scuola secondaria di primo grado Zignani di Castiglione di Ravenna. La chiusura riguarda anche i docenti e il personale ata (bidelli).
Sarà inoltre chiusa la scuola parrocchiale dell’infanzia Cottolengo di Castiglione di Ravenna.


Frane e allagamenti nel Bolognese: esonda il Sillaro

Maltempo: campi e case allagate, l'esondazione del Sillaro nel Bolognese

in riproduzione....


Nella notte è esondato il torrente Sillaro in un'area golenale nel territorio di Casalfiumanese, nell'Imolese. A quanto risulta non si tratta di una zona abitata e non ci sarebbero state per il momento evacuazioni di persone. Anche il Samoggia ha rotto gli argini in più punti nella tarda serata di ieri, allagando alcune strade fra Bazzano (chiusa la via Paolazzo) e Monteveglio. In mattinata il livello dell'acqua ha iniziato a diminuire.
Maltempo, Romagna in ginocchio, Savio e Montone rompono gli argini: interrotta linea ferroviaria tra Bologna e Rimini. Secchia e Panaro in piena

Il Reno in piena

Ammonta a 320mila euro una prima stima di danni che il maltempo, con diversi smottamenti, ha causato nelle ultime ore sulle strade provinciali del Bolognese. Lo fa sapere la Città metropolitana di Bologna.

La situazione più critica è in Valsamoggia: la provinciale 27 'Valle del Samoggia' da questa notte è chiusa al traffico in località Savigno. La piena del torrente Samoggia ha eroso la scarpata di valle della sovrastante strada provinciale col corpo stradale venuto via per circa 60-70 metri. Sulla provinciale 'Stiore' in località Monteveglio la pista ciclabile è interrotta per circa 20 metri.

I vigili del fuoco di Bologna hanno svolto decine di interventi e sorvolato anche con l'elicottero le zone colpite. Impegnate le forze dell'ordine e la protezione civile regionale

Situazione critica nel Modenese: arriva l'esercito

I fiumi Secchia e Panaro, e il torrente Tiepido, sono sorvegliati speciali per l'allerta maltempo e la piena in transito considerata rilevante.

A Marzaglia questa mattina alle 5 si è tenuta una nuova riunione del Centro coordinamento soccorsi indetta dalla Prefettura per fare il punto sulle misure precauzionali attivate.

I comuni più interessati dall'ondata di piena sono Modena, Campogalliano, Soliera, Bastiglia, Bomporto. Per motivi precauzionali la popolazione è invitata a portarsi ai piani alti delle abitazioni. Il sindaco di Campogalliano ha disposto già nella serata di ieri provvedimenti di evacuazione di residenti nell'area a valle della cassa di espansione. Chiusi diversi ponti in provincia (Ponte Alto, dell'Uccellino, del Navicello, Curtatona, Gherbella) e disposta per ragioni di sicurezza la chiusura delle scuole di Sozzigalli, Bastiglia e Sorbara.

In mattinata sono arrivati  circa 20 uomini dell'esercito, su richiesta ieri sera del prefetto di Modena, per monitoraggio e supporto a protezione delle arginature, in raccordo con la Protezione civile. Le arginature sono monitorate da Protezione civile regionale, Aipo, vigili del fuoco e Comuni, con l'ausilio anche di volontari.

In località Campogalliano i vigili del fuoco stanno procedendo al recupero dei proprietari dell'agriturismo La Falda e alla messa in sicurezza degli animali. In zona Fossalta-Saliceto Panaro sono in corso opere di prosciugamento e il recupero di una famiglia da un'abitazione.

Nel pomeriggio di ieri le protezioni delle abitazioni in alcuni punti dei corsi dei torrenti sono state rafforzate con sacchi di sabbia.

Le autorità raccomandano di limitare gli spostamenti in automobile allo stretto necessario e di prestare la massima attenzione nel percorrere ponti, sottopassi, strade sotto l'argine, di non utilizzare interrati e seminterrati.
?? Riproduzione riservata

Network

13 maggio 2019 - Aggiornato alle

Annunci, lavoro e aste