La Repubblica - Economia&Finanza

Alitalia, Atlantia d?? mandato a Castellucci di approfondire il piano industriale

Toninelli: "Valuteremo". Ma per la revoca ad Autostrade conferma le intenzioni del governo, scongiurando però "qualsiasi ricaduta sulle casse dello Stato"

ROMA - Atlantia ufficialmente in pista per Alitalia. Il consiglio di amministrazione della holding dei Benetton, riunitosi oggi, ha preso atto dell'interesse della società controllata Aeroporti di Roma per una compagnia di bandiera competitiva e generatrice di traffico, ha dato mandato al ceo Giovanni Castellucci di "approfondire la sostenibilità ed efficacia del piano industriale relativo ad Alitalia, inclusa la compagine azionaria e il team manageriale, e gli opportuni e necessari interventi per un duraturo ed efficace rilancio della stessa, riferendo in una prossima riunione consiliare per le opportune valutazioni ed eventuali connesse deliberazioni". A comunicarlo è Atlantia in una nota.

Sulla possibile partecipazione di Atlantia alla cordata che rileverebbe Alitalia, in mattinata il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli ha affermato che "si tratta di questione che sarà valutata nelle sedi opportune, ma che non può e non deve intrecciarsi con quella del ponte Morandi" di Genova. Rispondendo anzi in Senato a un'interrogazione relativa alla revoca della concessione ad Autostrade per l'Italia, Toninelli  ha risposto che l'intenzione resta quella di procedere alla revoca "con gli strumenti e le valutazioni opportune" stante "il quadro normativo in cui agiamo in conseguenza delle scelte dei governi precedenti. Vogliamo infatti tutelare al massimo l'interesse pubblico e scongiurare qualsiasi ricaduta sulle casse dello stato, cioè sulle tasche dei cittadini, a differenza di quanto fatto dai nostri predecessori".
 

"La Repubblica si batter?? sempre in difesa della libert?? di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile"

Carlo VerdelliABBONATI A REPUBBLICA
?? Riproduzione riservata