Russiagate, il ministro della Giustizia: "Per Mueller nessuna collusione nella campagna di Trump"

Barr ha consegnato al Congresso le conclusioni principali del rapporto del procuratore speciale. Non chiara la posizione sull'ostruzione alla giustizia

Il ministro della Giustizia americano, William Barr, ha consegnato al Congresso le conclusioni principali del rapporto del procuratore speciale per il Russiagate, Robert Mueller. "Il Dipartimento di Giustizia ha inviato una breve lettera sul rapporto di Mueller" ha annunciato su Twitter il presidente della commissione giudiziaria della Camera.

Non è stata trovata alcuna prova che dimostri che qualsiasi funzionario della campagna Trump abbia consapevolmente cospirato con la Russia in vista delle elezioni per la Casa Bianca del novembre 2016. È quanto dice il procuratore generale William Barr in una lettera inviata al Congresso.

Non chiara la posizione sul reato di ostruzione alla giustizia. "Anche se il rapporto non conclude che il presidente abbia commesso un reato, allo stesso tempo non lo esonera", si legge nella lettera del ministro di Giustizia William Barr.

"È una vergogna che il nostro Paese abbia dovuto sopportare tutto questo. A essere onesti è una vergogna che il vostro presidente abbia dovuto sopportare tutto questo". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, parlando dalla Florida, dopo la diffusione della lettera del procuratore generale William Barr sul rapporto Mueller.

Cos'?? questa domanda? Scopri il progetto Europe talks e leggi l'Informativa privacy completa in italiano

L'approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di pi?? ?? una tua scelta

Sostieni il giornalismo! Abbonati a Repubblica
?? Riproduzione riservata