Coronavirus, in Spagna sono più di tremila i morti. Oltre 60mila casi negli Usa

Coronavirus, in Spagna sono più di tremila i morti. Oltre 60mila casi negli Usa
Paseo de la Castellana a Madrid (reuters)

Intanto gli Stati Uniti annunciano un piano da 2mila miliardi di dollari per contrastare l'epidemia. In Cina ancora zero casi di contagio interno, lo Hubei torna alla normalità

IL MINISTERO della Sanità spagnolo ha confermato che nelle ultime 24 ore si sono registrati 738 decessi in seguito al coronavirus. È l'aumento maggiore registrato in Spagna dall'inizio della crisi. I casi confermati nel Paese salgono oggi ad un totale di 47.610, con 7.937 nuovi contagi. Il numero delle vittime arriva così a 3.434. Lo riferisce l'agenzia Efe.

Nel mondo, oltre 430 mila contagiati, quasi 20 mila i morti

In tutto il mondo attualmente ci sono 423.121 casi confermati di coronavirus con 18.919 decessi e 108.619 guariti. Sono le cifre del monitoraggio della Johns Hopkins University. Il numero di morti in Italia (6.820) è più del doppio di quello della provincia di Hubei, Cina (3.160). Anche la Spagna sembra destinata a superare presto il numero di morti della provincia cinese, fino a ieri erano già 2.991. Sono tre miliardi le persone costrette a restare chiuse in casa a causa dei provvedimenti presi per arginare la diffusione del virus.


Usa, piano da 2mila miliardi

Un piano da 2mila miliardi di dollari. Lo metteranno in campo gli Stati Uniti per contrastare l'epidemia di coronavirus che sta mettendo in difficoltà il Paese. Il piano è frutto di un accordo tra il Senato e la Casa Bianca, il più grande mai varato nella storia americana.
I contagi giorno per giorno nel mondo

Si aggrava l'epidemia di coronavirus negli Stati Uniti. Sono più di 60mila i casi di contagio registrati finora, 827 i decessi. Un dato, quest'ultimo, che ha subito un'accelerazione nelle ultime 24 ore, in cui sono morte 163 persone, una quantità mai vista finora negli States. Numeri che però non preoccupano Donald Trump: "Stiamo già cominciando a vedere la luce in fondo al tunnel", ha dichiarato il presidente. Tra i contagiati ci sono anche due trader di Wall Street, venuti a contatto con il Covid-19 nonostante le misure di restrizione prese per evitare il diffondersi del virus. I professionisti che hanno lavorato negli ultimi 14 giorni al New York Stock Exchange sono stati invitati a osservare un periodo di autoisolamento. Proprio New York è considerata l'epicentro dell'epidemia negli Usa. Chi si sposta dalla città all'interno degli States deve mettersi in quarantena volontaria per 14 giorni, ha detto il vice presidente Mike Pence insieme agli esperti della task force contro il coronavirus, sottolineando l'elevato livello di contagi nella Grande Mela.

Metà dei casi in California ha meno di 50 anni

La California è uno degli Stati americani più contagiati con 2.535 positivi e un balzo del 17% rispetto a ieri. Secondo quanto dichiarato dal governatore, Gavin Newsom, quasi metà dei casi ha un'eta compresa tra i 18  e i 49 anni. Il governatore ha dichiarato che non ha alcuna intenzione di rimuovere i divieti, né nei prossimi giorni, e forse neanche nelle prossime settimane. Contraddicendo così quanto detto dal presidente. La previsione che si possa riaprire ad aprile, è ottimistica, ha detto, almeno per quanto riguarda la California.

Trump chiude le sue proprietà e perde miliardi

Sei su sette dei famosi club e hotel di Donald Trump hanno chiuso facendo perdere al presidente miliardi di dollari. Lo riporta il Washington Post, che fa notare la singolare coincidenza tra la chiusura delle proprietà trumpiane e il discorso alla mnazione in cui Trump ha invitato l'America a riaprire le porte e a ricominciare a fare affari.

"Il nostro obiettivo è riaprire il Paese mentre ci avviciniamo alla fine della nostra storica battaglia contro il nemico invisibile", ha detto il presidente ieri aprendo il briefing quotidiano con la stampa. "Vinceremo", ha aggiunto Trump. "Lavoriamo duro per fare di Pasqua una scadenza reale".

Bill Gates contro Trump: "Per lui conta solo il Pil"

Il fondatore della Microsoft critica Donald Trump e la sua fretta di ricominciare a fare affari aprendo gli Stati. "Non c'è una via di mezzo" dice rivolgendosi a Trump, per il quale occorre evitare che "la cura sia peggio della malattia". "È molto difficile dire alla gente: 'Ehi, vai nei ristoranti, vai a comprare nuove case e ignora quel mucchio di corpi nell'angolo. Vogliamo che la gente continui a spendere perché c'è forse un politico che pensa che la crescita del Pil sia tutto ciò che conta".

Bill Gates, nel 2015, aveva lanciato l'allarme: "Un virus potrebbe uccidere pi?? di un guerra. E noi non siamo pronti"

in riproduzione....

In Argentina i contagiati salgono a quota 387

L'Argentina ha vissuto una giornata difficile in tema di coronavirus, registrando ieri due nuovi morti e altri 86 contagiati, per un totale generale di sei vittimee 387 pazienti colpiti da Covid-19. È la prima volta nei 20 giorni in cui a Buenos Aires è scattata l'emergenza, rileva l'agenzia di stampa Telam, che le autorità sanitarie locali sono costrette ad annunciare due vittime in appena 24 ore. E questo, si dice ancora, sta facendo valutare al governo l'opportunità di estendere la quarantena, che in principio era stata fissata fino al 31 gennaio, almeno fino al 12 aprile. Tutto questo è avvenuto in un giorno molto speciale, in cui gli argentini erano soliti scendere massicciamente in piazza, ma oggi non hanno potuto farlo, per ricordare la data del 24 marzo 1976, quando il generale Jorge Rafael Videla prese il potere con un golpe che avviò una dittatura durata sette anni, e che causò, secondo le organizzazioni dei diritti umani, fino a 30.000 desaparecidos.

In Francia il virus rallenta

Sono 231 i nuovi decessi in Francia, che portano il totale a 1.331. Un aumento giornaliero del 21%, riporta la Reuters, in leggero calo rispetto ai due giorni precedenti. Durante una conferenza stampa, il direttore dell'agenzia sanitaria Jerome Salomon, ha aggiunto che il numero di casi è salito a 25.233, con un aumento di circa il 13% in 24 ore.

Vice premier spagnola positiva. Spagna seconda all'Italia

Carmen Calvo è risultata positiva al coronavirus. Lo riferisce la Bbc. Era stata sottoposta al test dopo essere stata ricoverata in ospedale per un'infezione respiratoria.

La Spagna con 3.434 morti, 738 in più rispetto a ieri (un aumento del 27%), è seconda al mondo dopo l'Italia che conta 6.820 vittime. Dopo una settimana e mezza di quarantena quasi totale per i cittadini, con lo stato di allarme che sarà prorogato fino all'11 aprile, il governo ha ripetutamente messo in guardia sul fatto che questa settimana sarà "difficile", sebbene sia fiducioso di essere vicino al raggiungimento del picco di contagio. Nonostante l'alto numero di vittime, il ministero della Salute ha anche registrato un forte aumento del numero di pazienti guariti. Più della metà dei decessi (53%) è concentrata nella regione di Madrid.

Boris chiama e rispondono in 450mila

Il Paese si sta mobilitando in massa contro il coronavirus, come se fosse in guerra. Ieri c'era stato l'appello del governo Johnson per 250mila volontari in Regno Unito per aiutare la sanità e i servizi sociali contro il Covid-19. Hanno risposto, in sole 24 ore, in 405mila!!

Il re thailandese in vacanza in Baviera

Maha Vajiralongkorn si sta godendo le vacanze sulle Alpi bavaresi, a Garmisch Patenkirchen, con le sue 20 concubine. Lo racconta la Bild on line, commentando che quel che non è consentito ai comuni mortali in Germania, è permesso al monarca. Il Grand Hotel Sonnenbichi è chiuso come tutti gli altri a causa delle regole sul coronavirus. Ma non per Rama X. "La chiusura per lui non vale", denuncia il tabloid, riportando del permesso speciale accordato con la motivazione che "gli ospiti appartengono tutti a un gruppo omogeneo di persone, fra i quali non vi è alcuna fluttuazione".

Il negozio mezzo aperto. Succede al confine tra Paesi Bassi e Belgio

Le misure diverse prese dalle autorità belga e olandesi rispetto al coronavirus hanno creato una situazione confusa e bizzarra al confine. I Paesi Bassi hanno lasciato aperti tutti i negozi, il Belgio no, solo quelli essenziali. Nella cittadina di Baarle-Nassau, complicata enclave al confine tra i due Stati, con le strade taglate in due, il supermercato Zeeman è aperto solo per metà, e cioè per i cittadini olandesi. Se qualche acquirente avesse mai bisogno di prodotti che si trovano nella parte belga, devono rinunciare. Non ci possono andare e neanche acquistare.

Il negozio ha applicato un nastro di avvertenza nel centro del negozio. "Avevo bisogno di biancheria intima, ma è nella parte belga del negozio, quindi non sono riuscito a ottenerlo", ha detto un cliente alla televisione Vrt. Il Belgio ha chiesto a Zeeman di chiudere, ma il proprietario, dovendo sottostare alle leggi olandesi, ha detto no.


Sciopero dei medici in Zimbabwe. I casi in Africa: più di 1.500

Migliaia di infermieri in

Una canzone contro il virus. Bobi Wine parla all'Uganda

"La cattiva notizia è che ognuno di noi è una potenziale vittima. La buona notizia è che ognuno di noi è una potenziale soluzione". Il principale oppositore del longevo presidente ugandese Yoweri Museveni, il rapper e parlamentare Bobi Wine, è ricorso alla musica perchè i suoi concittadini pongano attenzione alla propria salute. Coronavirus alert è l'ultima produzione di Robert Kyagulanyi che parla di Covid-19 e di tutte le misure da adottare per proteggere se stessi e gli altri.

Il Paese africano ha registrato 14 casi di contagio e nessuna vittima.

Mille casi in Pakistan, sospesi tutti i voli interni

Sono ormai mille i casi di coronavirus in Pakistan. Lo ha reso noto il ministero della Sanità di Islamabad, che, secondo quanto riporta l'agenzia Dpa - ha precisato come in 12 ore si siano registrati circa 100 nuovi casi. Nel frattempo le autorità hanno annunciato la "sospensione di tutti i voli interni" da domani fino al 2 aprile. La prima segnalazione di Covid-19 in Pakistan risale al 26 febbraio. Sette persone sono morte nel Paese a causa della pandemia di coronavirus e il ministero della Sanità parla di oltre 7.000 casi sospetti. Il Pakistan, con più di 220 milioni di abitanti, ha già bloccato i voli internazionali fino al 4 aprile.

Israele, 5 morti e 2.030 contagiati

Cinque morti e 2.030 contagiati: questo il bilancio aggiornato della diffusione in Israele del coronavirus, reso noto stamane dal ministero della Sanità. I malati gravi sono 37, secondo questi dati.

In Cina zero casi "domestici", lo Hubei torna alla normalità

 La Cina rimuove dopo due mesi le restrizioni allo Hubei, la provincia epicentro della pandemia del coronavirus, annunciando ancora una volta zero casi di infezione sul fronte domestico. Secondo i dati della Commissione sanitaria nazionale (Nhc), nella giornata di ieri sono stati confermati altri 47 contagi importati, saliti a totali 474, in gran parte legati al rientro di cittadini cinesi. Tre dei quattro decessi sono avvenuti nel Hubei e due nel capoluogo Wuhan, dove il blocco sarà rimosso l'8 aprile.

Corea del Sud, cento nuovi casi di cui 34 importati

La Corea del Sud ha registrato martedì 100 nuovi casi di Covid-19, in rialzo sui 76 di lunedì, per un totale di infezioni portatesi a quota 9.137. Secondo gli ultimi dati del Korea Centers for Disease Control and Prevention (Kcdc), tra i nuovi contagi 34 sono classificati come importati dell'estero, per un totale di 101 unità. I morti sono aumentati a 126. Ammontano invece a 223 le persone che hanno completamente recuperato e che sono state dimesse dagli ospedali, per complessive 3.730 unità.


La Nuova Zelanda chiude per quattro settimane

La Nuova Zelanda ha dichiarato lo stato di emergenza nazionale per il coronavirus. Il ministero della Sanità ha segnalato altri 47 contagi confermati e 3 sospetti nelle ultime 24 ore che portano il totale a 200. Lo stato di emergenza ha effetto immediato: l'intero Paese resterà in lockdown per 4 settimane.

Anche in questo momento di emergenza, Repubblica ?? al servizio dei suoi lettori.
Per capire il mondo che cambia con notizie verificate, inchieste, dati aggiornati, senza mai nascondere niente ai cittadini

Carlo Verdelli ABBONATI A REPUBBLICA
?? Riproduzione riservata