Alitalia, Lotito vuole entrare nella compagnia. Formalizzata l'offerta

Alitalia, Lotito vuole entrare nella compagnia. Formalizzata l'offerta
Claudio Lotito (agf)

Il patron della Lazio ha depositato la manifestazione di interesse. Salvini sull'ipotesi Atlantia: "Io non ho pregiudizi". Il Pd: "Il governo brancola nel buio"

Claudio Lotito vuole Alitalia. Finora sembrava una boutade, un'ipotesi cui neanche i commissari della compagnia aerea e il ministro dello Sviluppo Luigi di Maio credevano. Ma ieri la manifestazione di interesse del patron della Lazio è stata depositata e formalizzata. Adesso Lotito dovrà dialogare con Ferrovie per dimostrare di avere realmente la capacità di entrare nel nuovo asset che dovrebbe gestire la futura Alitalia. Insieme proprio a Fs e Delta Airlines. "Non posso esprimere alcun giudizio, nessun commento sull'offerta, ma era riservata..." è l'unica reazione di Lotito alla notizia.


L'ipotesi Lotito si affianca a quella dei costruttori, e concessionari dell'Autostrada dei parchi, Toto. E ad Atlantia, sponsorizzata ieri - anche se indirettamente - dalle parole del vicepremier leghista Matteo Salvini: "Io non ho pregiudizi - ha detto il ministro dell'Interno - basta che si tutelino i posti di lavoro e che ci sia una compagnia di bandiera efficiente". Ha quindi invitato a tenere fuori dalla partita il braccio di ferro con Atlantia partito dopo il crollo del ponte Morandi a Genova. 

Dallo staff di Di Maio per ora si dicono tranquilli: "Bisogna solo decidere ma le offerte ci sono". Il premier Giuseppe Conte non si sbilancia: "Se arrivano offerte verranno tutte valutate, ma quello che a noi preme è rilanciare il sistema". Mentre il ministro dell'economia Tria sottolinea che per un intervento del Mef serve prima una proposta vincolante dei soggetti interessati.


Il tema di Alitalia è stato affrontato nella seconda parte del vertice di stamattina a Palazzo Chigi cui hanno partecipato il premier Conte, i due vice - Di Maio e Salvini - e il ministro dell'Economia Tria. Il prossimo 15 giugno scade per Alitalia il terzo rinvio concesso a Fs per completare la cordata di co-investitori finora ferma al 60% del capitale della Newco con la presenza anche di Delta e Mef (a Ferrovie il 30 per cento della compagnia, al ministero un 15 e agli americani un altro 15 per cento).

E il Pd lancia l'allarme:  "Sul dossier Alitalia continua ad esserci zero trasparenza e assoluta mancanza di chiarezza da parte del Governo che brancola nel buio e va avanti per tentativi", dice Andrea Martella, responsabile rapporti istituzionali con le forze politiche e sociali dei dem. "Si continua a discutere di partner industriali, di alleanze, di ingresso nell'azionariato dello Stato, di futuro dei lavoratori ma sostanzialmente ad oggi ancora non si conosce il piano industriale, su quali rotte investirà la compagnia, il tipo di flotta di cui potrebbe avere bisogno".


 

"La Repubblica si batter?? sempre in difesa della libert?? di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile"

Carlo Verdelli ABBONATI A REPUBBLICA
?? Riproduzione riservata

I COMMENTI DEI LETTORI