Coronavirus Veneto, la proposta di Zaia: "Sospendere in tutta Italia le norme sulla privacy"

Coronavirus Veneto, la proposta di Zaia: "Sospendere in tutta Italia le norme sulla privacy"
Luca Zaia in videoconferenza (ansa)

Il governatore del Veneto: "Bene crollo di accessi ai pronto soccorso della Regione, frena la curva dei contagi". In Lombardia invece preoccupante aumento dei casi

Sospendere le norme sulla privacy per tracciare gli spostamenti, come è stato fatto in Corea del Sud, per contenere il contagio da coronavirus. A rilanciare la proposta è Luca Zaia, governatore del Veneto, regione tra le più colpite assieme a Lombardia ed Emilia Romagna. "In questo Paese sono convinto che in questo momento bisognerebbe sospendere le norme sulla privacy e lasciare ai sistemi sanitari di essere un po' più liberi", ha detto parlando ai cronisti. E ha continuato: "Sulla tracciabilità abbiamo disponibilità anche da Israele per la verifica degli spostamenti con sistemi intelligenti. Il sistema migliore è puntare sul senso civico". 

Zaia ha poi commentato positivamente il crollo degli accessi ai pronto soccorso nella sua regione: "Abbiamo avuto un calo da 4.200 a poco più di un migliaio al giorno, i cittadini hanno capito che bisogna andare solo in caso di assoluta necessità". E ha aggiunto: "Siamo riusciti a frenare la curva dei contagi, ma purtroppo abbiamo i morti. L'isolamento di 17mila persone dà la misura del grande lavoro che stiamo facendo, l'effetto-tamponi".

Poi ha consigliato ai suoi corregionali di "fare la spesa una volta a settimana, comperare una carota ogni giorno non può essere una scusa per fare una passeggiata. Non costringetemi a fare ordinanze cattive sul fronte degli acquisti". 

Viceversa in Lombardia la situazione non migliora: il presidente della Regione Attilio Fontana oggi si è detto "preoccupato" perché purtroppo si sono registrati 2500 casi in più. 







Aggiornamenti e ultime notizie / Tutte le news ora per ora / Eseguito test su Borrelli: negativo

Tornano a crescere i positivi. "Ma la curva rallenta, speriamo arrivi il calo"

Coronavirus, la situazione sulla pandemia di Covid-19

informazioni aggiornate al 26 marzo 2020
Il Coronavirus non si ferma. L'Italia "in prima fila nella lotta all'emergenza causata dalla pandemia di Covid-19, la malattia causata dal coronavirus Sars-Cov-2. Dopo la Cina e il nostro Paese, ora tutto l'occidente ?? alle prese con le chiusure e le limitazioni della libert?? che abbiamo visto a Wuhan e poi in Italia. I casi totali sono 70mila nel nostro Paese, le vittime quasi settemila, i guariti oltre 8mila. Di sicuro c?? il fatto che l'Italia ?? il Paese con pi?? morti al mondo. In Lombardia l'emergenza sanitaria ?? gravissima. Si studiano i casi di contagio e la curva della diffusione del virus, soprattutto al Sud dove 'abbassare' la curva dei contagi" cruciale per la resistenza el sistema sanitario.

Coronavirus, gli articoli del giorno

rep

rep

rep

DA LEGGERE Tgr Leonardo e l'esperimento cinese del 2015. Gli scienziati: "Nulla a che vedere con attuale epidemia"

Anche in questo momento di emergenza, Repubblica ?? al servizio dei suoi lettori.
Per capire il mondo che cambia con notizie verificate, inchieste, dati aggiornati, senza mai nascondere niente ai cittadini

Carlo Verdelli ABBONATI A REPUBBLICA
?? Riproduzione riservata

I COMMENTI DEI LETTORI